venerdì 3 giugno 2011

Rainbow magicland.



Shock- the steam machine.

Cagliostro.


L'interno del Castello di Alfea.





Sul fondo si vedono sia Cagliostro ( costruzione gialla) che Mistyca (la torre in acciaio).

Vista di parte del parco, da Popsait.

In primo piano Poppalla, sullo sfondo il Castello di Alfea.

Sulla sinistra Poptower, mentre sulla destra in rosa il negozio Magic Station. In fondo, in azzurro,  Pixie river.


Il castello di Alfea visto dal sentiero di destra.


Ieri, 2 giugno, approfittando del giorno di festa e della bella giornata, calda, ma non troppo, io e la mia bella famigliola abbiamo deciso di visitare il nuovo parco divertimenti sito a Valmontone, il Rainbow Magicland.
Partendo da Fabrica di Roma abbiamo impiegato, in autostrada, circa un'ora e mezza e 5,20 euro circa di pedaggio. All'arrivo abbiamo scoperto che il parcheggio è gratuito e che le auto sostano sotto tettoie, quindi all'ombra, cosicché al ritorno a casa salendo in macchina non si entra in un forno, ma è gradevolmente fresca.
Su ogni tettoia sono montati i pannelli fotovoltaici che alimentano in toto il parco: la trovo una bellissima,  praticissima e conveniente idea da parte dei progettisti.
Fatta un po' di strada dal parcheggio si entra nel parco dove ci sono un numero imprecisato di casse per il ritiro dei biglietti: ieri, per la verità l'attesa è stata un po' lunga, ma niente che non possa essere superato senza stress, anche da chi, come me, ha il problema di tenere a bada un bimbo impaziente.
Il biglietto, che abbiamo pagato ridotto poiché alcune attrazioni del parco erano ancora chiuse ( circa quattro) costa normalmente 35 euro per gli adulti e 28 per i bimbi al di sopra del metro - come potete vedere anche sul sito del parco - noi abbiamo pagato l'ingresso 50 euro in tutto, poiché Leo l'hanno calcolato alto meno di un metro ( in realtà è 110 cm!): la ragazza alla cassa è stata gentilissima e quando stavamo per replicare: " Guardi che è più alto!" lei ci ha fatto segno di passare lo stesso. Inoltre ci ha dato, come al resto dei visitatori di ieri, due buoni sconto, di 10 euro l'uno, per ritornare entro novembre.
Comunque, dopo le casse c'è il vero ingresso al parco caratterizzato da una grandissima porta con due colonne enormi con sopra degli animali alati; ai due lati  fontane che zampillano.
Oltrepassata la porta si arriva ad una piazzetta, dove si trovano bar e negozi.
Poi si accede ad un viale che si dirama in due parti: i due sentieri costeggiano un fossato e formano un anello intorno a quest'ultimo.
Partendo dal sentiero a sinistra si trovano giochi come yucatan, simile al niagara di Mirabilandia, l'olandese volante, huntik, il teatro, il palatutto, attrazioni per temerari quali Mistyca e Cagliostro. Continuando troviamo il Castello di Alfea, poi, tutte raggruppate, troviamo le attrazioni per i più piccini: pixieville, le fontane danzanti ( ove i bimbi possono rinfrescarsi un po'), battelli radiocomandati, elforest, poprace, pixie river, ecc...  
Siamo rimasti piacevolmente impressionati dalla cura dei dettagli e dalla disposizione del parco: nel complesso è tutto molto bello e sembra davvero di vivere in una favola per un giorno. 
Peccato che manchino le aree pic- nic (almeno io non ne ho viste), anche se si possono utilizzare senza problemi i tavoli messi a disposizione dai bar all'interno, e la moltitudine di panchine dislocate in tutto il parco.
Nonostante i problemi riscontrati a causa di un'apertura un po', a mio parere, frettolosa( l'olandese volante si è bloccato più volte e così pure Ronnie, il ragnetto) e nonostante le file per i giochi, la giornata è stata piacevole ed è passata molto velocemente. Non abbiamo avuto modo di sperimentare tutto, anche perché l'orario di chiusura del parco rimane fissato per le 18 per tutto il mese di giugno, e quindi ci ritorneremo presto, magari dopo le ferie!
Se anche voi volete visitarlo ricordatevi di portare il costume per i vostri bimbi, servirà per le fontane danzanti!!!

2 commenti:

  1. Le aree pic nic sono in costruzione, le coperture molto belle e architettoniche sono state realizzate da una ditta del luogo che si chiama Del Brusco. L'area dovrebbe aprire x fine giugno.

    RispondiElimina
  2. Bene! Grazie per l'informazione! Così quando ci ritorneremo potremo usufruirne!

    RispondiElimina